Ghiaccioli colorati e mousse golosa

Lunghi pomeriggi di giochi magari all’aria aperta e quando arriva l’ora della merenda perché non tentare i vostri bimbi con golosità nutrienti? A base di frutta di stagione, dunque, gustosa e colorata per rallegrare i vostri piccoli ospiti!

Ghiaccioli colorati!

ghiacciolo-mousse-festa-piccoli_small

Ingredienti per 6 ghiaccioli

  • 200 gr. albicocche ben mature
  • 100 gr. acqua
  • 40 gr. zucchero
  • 30 gr caramelle gommose

Preparazione

  1. Fate sciogliere lo zucchero nell’acqua per creare uno sciroppo.
  2. Tritate con il frullatore ad immersione Severin le albicocche private del seme fino a formare un frullato denso e cremoso.
  3. Unite lo sciroppo e amalgamate bene.
  4. Versate quindi il composto negli stampini per i ghiaccioli.
  5. Completate con un paio di caramelle gommose. Lasciate per 4/5 ore nel surgelatore, finché non saranno formati i ghiaccioli.

Mousse golosa

mousse_small

Ingredienti per 6 porzioni

  • 250 gr. ricotta fresca
  • 100 gr. biscotti secchi
  • 40 gr. mirtilli freschi
  • 30 gr. ciliegie
  • Zucchero a velo q.b.
  • 4 foglioline di menta
  • ½ bicchierino di sciroppo di sambuco

Preparazione

  1. Per prima cosa formate la base della mousse: tritate i biscotti secchi a formare un composto granuloso e disponetelo alla base di piccole coppette.
  2. Con la frusta Severin, mescolate bene la ricotta con lo zucchero a velo.
  3. Disponete questa crema nelle coppette e lasciate in frigorifero a raffreddare. In una ciotola, mescolate i mirtilli con le ciliegie denocciolate, aggiungete poco zucchero a velo, due gocce di limone e lo sciroppo di sambuco.
  4. Lasciate riposare.
  5. Al momento di servire versate la macedonia di frutti sopra le coppette e decorate con due foglioline di menta e qualche zuccherino colorato.

set-frullatore-immersione-severin-sm-3798

Micaela Liberati

Micaela, più che foodblogger, si definisce foodlover: 'Chela di Granchio' è il suo diario con cui condivide la smisurata passione per il buon mangiare e l’amore incondizionato per gli aperitivi. Dai nonni girovaghi ha imparato a riflettere sulla convivialità dei pasti, dalla nonna abruzzese ha assorbito il valore della porosità della pasta fatta in casa, dai lunghi viaggi ha assimilato il modo di vivere a tavola… perché la vita la prende sempre di pancia, senza perdersi neanche un morso!


http://cheladigranchio.blogspot.it/

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *